Il massaggio metamorfico

per una profonda guarigione

Il massaggio metamorfico è una tecnica di facile apprendimento, fu ideata negli anni ‘50 dal riflessologo e naturopata inglese Robert St. John e migliorata da Gastone Saint-Pierre che così la battezzò.

Anche se viene definito massaggio, non è affatto un massaggio, è uno strumento semplice che aiuta a superare blocchi mentali ed emozionali (spesso instaurati già al momento del concepimento) che ostacolano il fluire dei ritmi della vita.

La Tecnica Metamorfica è unica nel suo genere, poiché non è né una terapia né un trattamento, e non è neanche un massaggio o un metodo volto alla guarigione. Non prevede diagnosi né manipolazione profonda.

Può essere un valido sostegno in momenti di difficoltà: un nuovo lavoro, un trasloco, un divorzio, un lutto o una malattia.

massaggio metamorficoLa Tecnica si può usare da sola o in sinergia con altre. Durante la seduta  si sfiorano lievemente le zone di riflesso della colonna vertebrale e vengono smosse energie profonde e trasformative. Genera un movimento di liberazione da blocchi di antica data, sia fisici che psichici, un movimento di evoluzione e di crescita. Stimola l’individuo a realizzare cambiamenti, stimola l’autoguarigione e lo sviluppo della propria coscienza.

Durante una seduta, il praticante sfiora con un tocco leggero i piedi, le mani e la testa del ricevente. Si può decidere anche di lavorare direttamente sulla colonna vertebrale. La seduta dura circa 1 ora. Si pratica realizzando sfioramenti, picchiettii, leggere vibrazioni. Non presenta controindicazioni. E’ consigliato anche ai bambini in tenera età e durante il periodo di gravidanza, infatti, inizialmente tale tecnica veniva chiamata “ terapia prenatale”.

L’ideatore Robert St. John afferma che durante il trattamento metamorfico si interviene “ponendo in relazione la mente con il corpo”.

 

Area Riservata

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri 1 007 iscritti.